Corteforte Fumane venne edificata, agli inizi del 1400 circa, in un punto strategico della vallata di Fumane. Originariamente era costituita da quattro torri laterali collegate da un alto muro di cinta in pietra ed era un importante presidio difensivo contro le scorrerie provenienti dal nord. Nel 1600 la struttura divenne di proprietà di un’importante famiglia veronese, che la trasformò in dimora nobiliare di campagna. Venne impreziosita con archi in marmo e decorazioni ed ampliata con la costruzione di rustici. Dal 1989 è di proprietà di Carlo Maria Cerutti, appassionato viticultore, che nella ristrutturazione ha cercato il più possibile di mantenere le originarie caratteristiche. Interessante la collezione di antichi strumenti, per la campagna e la cantina, esposta sotto il portico. Delle quattro torri rimane adesso un’unica torre merlata. Il fienile adiacente è stato trasformato in una caratteristica enoteca e sotto è stata ripristinata l’antica cantina. I circa 3 ettari di vigneto dell’azienda circondano Corteforte. I vigneti che circondano Corteforte sono sempre stati riconosciuti tra i migliori della zona, in quanto posti su un dolce declivio collinare che assorbe dall’alba al tramonto i raggi del sole: benefici che si riflettono nella qualità dei vini, dai rari sentori di rosa, viola e mandorla. Dall’annata vinicola 1993, in considerazione della loro eccellenza, ne venne ritenuta opportuna la commercializzazione, quale prodotto di nicchia raro e pregiato. Sin dalla prima annata di produzione, tutti i vini di Corteforte – Amarone, Recioto Amandorlato, Valpolicella classico superiore ed Il Sole (un bianco da uve passite prodotto in piccolissime quantità) – hanno conseguito importanti riconoscimenti e premi, in Italia ed all’estero.