Ponti sul Mincio è un comune di origini medievali, adagiato ai piedi di un castello, storicamente inserito nel sistema dei fortilizi scaligeri. È un paesino dove il tempo sembra essersi fermato, o dove la pace e la bellezza dei posti, invitano anche il turista più frettoloso ad una sosta più attenta, per la storia che si respira, per i paesaggi naturali davvero incantevoli, per la possibilità di praticare sport all’aria aperta e di gustare i prodotti tipici della gastronomia locale, annaffiati da buon vino. Per tutti questi motivi risulta quasi d’obbligo una visita a Ponti sul Mincio, meta ideale per chi, soggiornando sul Lago di Garda o risiedendo nei comuni confinanti, volesse trascorrere una giornata piacevole e rilassante. La sua campagna è inoltre disseminata di piste ciclabili, che conducono lungo la riva del Mincio, dove è possibile visitare la diga che regola il flusso delle acque in uscita dal Lago di Garda. Oltre al castello si può visitare anche un interessante museo dedicato alle campagne d’Africa. Il piccolo borgo si presta anche ad accogliere chi cerca la pace delle sue colline, punto di partenza per le vacanze più lunghe: Ponti dista infatti pochi chilometri dal Lago di Garda e da splendide città d’arte come Mantova e Verona. Le notizie storiche relative al Castello di Ponti sul Mincio, ricavabili unicamente da studi di carattere generale, in mancanza di indagini monografiche e di ricerche d’archivio, sono poco certe. La sua costruzione viene fatta risalire ad un periodo che va dal XII al XIV secolo e che, molto probabilmente, coincide con il XIII secolo, e viene attribuita alla iniziativa degli Scaligeri, che, in questa zona, unitamente con i Castelli di Monzambano, Valeggio sul Mincio, Nogarole, Peschiera del Garda, Sirmione e altri ancora, costituirono il proprio sistema sud-occidentale, a confine con i territori viscontei e gonzagheschi. Ponti sul Mincio è è attraversato dal Fiume Mincio, lungo 73 chilometri, nasce dal Lago di Garda e si spinge attraverso la dolce bellezza del paesaggio morenico. Nel tratto che interessa il paese di Ponti sul Mincio in particolare, il fiume è integrato in un sistema idrico complesso e finalizzato a ripartire il deflusso del fiume stesso in una rete di canali destinate a funzioni diverse: irrigue, energetiche, di difesa idraulica. Il Mincio scorre incanalato entro stretti argini artificiali, mentre il paesaggio collinare è contrassegnato dalla varietà dei morbidi e verdeggianti rilievi collinari. Dal 1984 è stato istituito Il Parco del Mincio dalla Regione Lombardia. Il Parco del Mincio svolge la sua attività di salvaguardia e valorizzazione dell’area protetta, su un territorio che presenta caratteristiche morfologiche, naturalistiche e paesaggistiche particolari e che si snoda lungo i 73 km. del fiume, dal basso Garda alla foce in Po. La straordinaria presenza di uccelli, con circa 300 specie fra nidificanti, stanziali, migratrici o di passo, costituisce un patrimonio faunistico di elevato valore. Così come tutti gli elementi “verdi” del Parco, dalla vegetazione acquatica delle zone umide ai boschi planiziali o igrofili, che rappresentano il patrimonio della flora delle Terre del Mincio. Il Parco è inserito in un territorio prevalentemente pianeggiante, ma presenta interessanti emergenze morfologiche connesse alla sua origine, tipiche delle “valli di pianura” formate dai fiumi emissari dei grandi laghi alpini affluenti di sinistra del fiume Po. Alcune porzioni degli ecosistemi più caratteristici, come colline moreniche e terrazzi fluviali dell’alto, medio e basso corso del fiume, sono tutelate dalle riserve naturali. Gli “Amici del Mincio” sono un gruppo di volontari che agisce a favore della tutela dell’ambiente, la promozione di condizioni socio-economiche del luogo e del turismo sostenibile. L’aspetto attuale del Mincio è interessata da attività antropiche che si sono succeduti nel corso dei secoli a dominare il flusso di acqua e piegarla ai bisogni umani, ma in brevi tratti il fiume conserva importanti elementi di naturalità. Il loro contributo è molto importante per la conservazione della biodiversità e il gruppo è impegnato in importanti iniziative come ad esempio il miglioramento ed incremento del flusso dell’acqua nei laghi.