A Valeggio sul Mincio martedì 19 giugno 2012 torna la Festa del Nodo d’Amore, manifestazione che celebra il tortellino, prodotto tipico della zona. La Festa del Nodo d’Amore è senza dubbio una delle più belle ed affascinanti manifestazioni della tradizione veronese. Tutto nasce da una leggenda che, come nelle più classiche tradizioni, vuole due protagonisti innamorati, ma incapaci di vivere liberamente il loro amore. Si tratta di Malco, capitano della truppe viscontee, e Silvia, bella ninfa delle acque del Mincio, che non potendo restare per sua natura accanto all’innamorato, lascia a lui un fazzoletto annodato come pegno d’amore. Nei giorni di festa, ancora oggi, il fazzoletto dorato, simbolo dei due innamorati, viene proposto sulle tavole di Valeggio nel famoso Nodo d’Amore, un fagottino di pasta sottile arricchito da un delicato ripieno. A questo speciale prodotto, Borghetto dedica la tradizionale cena sul Ponte Visconteo, dove si ritrovano seduti, lungo due tavolate di circa 600 metri, più di 3000 commensali, provenienti un po’da tutta Italia, oltre a una buona presenza di stranieri, per gustare i famosi “Tortellini di Valeggio”, poeticamente denominati “Nodo d’Amore”. La Festa prende ufficialmente il via con una sfilata di comparse in costume medievale, a rievocare i protagonisti della leggenda da cui la festa prende il nome. La prima edizione di questo grande evento risale al 1993 e fu organizzata per celebrare i 600 anni della costruzione del Ponte Visconteo, un’imponente fortificazione voluta da Gian Galeazzo Visconti, Duca di Milano, per proteggere i confini orientali dei suoi possedimenti. L’organizzazione si mobilita già tre giorni prima per il montaggio delle cucine e degli impianti, la distribuzione delle attrezzature, nonché l’allestimento finale della tavolata, nel pomeriggio stesso della festa. Ideata e gestita dalla Associazione Ristoratori Valeggio, la Festa coinvolge l’Amministrazione Comunale e tutte le Associazioni di categoria e conta sull’entusiasmo di un paese che, vanta oltre 40 ristoranti i quali, tutti insieme, possono accogliere quasi tanti ospiti quanti sono gli abitanti. I numeri che caratterizzano la festa sono da record: lo sforzo congiunto di tutti i ristoranti associati coinvolge quasi 300 camerieri, un centinaio di cuochi e altrettanti sommelier. Sono 600.000 i tortellini fatti a mano uno ad uno, per i quali occorrono circa 500 kg di grana padano, 10.000 uova e 8 quintali di farina, 3.750 le bottiglie di vino Bianco di Custoza che accompagnano le pietanze e 850 le bottiglie di spumante per offrire agli ospiti l’aperitivo che dà il via alla serata. La cena si conclude con un grandioso spettacolo di fuochi artificiali a tempo di musica, dalle torri del Castello Scaligero, e la consegna a tutti gli ospiti di un piatto commemorativo, realizzato dal maestro orafo Alberto Zucchetta. L’accesso è consentito solo con biglietto, da prenotare e acquistare presso i ristoranti aderenti all’Associazione Ristoratori Valeggio, ideatori ed organizzatori della festa. Il prezzo del biglietto per questa 19^ edizione è di Euro 70,00 a persona, prenotabile e acquistabile presso tutti i Ristoranti dell’Associazione o presso la ProLoco di Valeggio s/M. In caso di cattivo tempo atmosferico gli organizzatori si riservano di decidere sullo svolgimento dell’evento e nessun rimborso sarà dovuto in caso di cancellazione.

Prenota il tuo alloggio sul Lago di Garda

Clicca sul link qui sotto per trovare, selezionare e prenotare l'alloggio per l'evento in questa località o in un altro luogo sul Lago di Garda.

Prenota ora